Banda Ultra Larga

creato da Chiara Montorsi ultima modifica 26/07/2019 13:40
Come tenersi aggiornati sugli sviluppi del Piano Strategico Banda Ultralarga

Il 3 Marzo 2015 il Governo italiano ha approvato la Strategia Italiana per la Banda Ultralarga, che ha l’obiettivo di contribuire a ridurre il gap infrastrutturale e di mercato esistente, attraverso la creazione di condizioni più favorevoli allo sviluppo integrato delle infrastrutture di telecomunicazione fisse e mobili, e rappresenta il quadro nazionale di riferimento per le iniziative pubbliche a sostegno dello sviluppo delle reti a banda ultra larga in Italia, al fine di soddisfare gli obiettivi fissati dall’Agenda Digitale Europea entro il 2020.

L’intervento consiste nel costruire una rete di proprietà pubblica che verrà messa a disposizione di tutti gli operatori che vorranno attivare servizi verso cittadini ed imprese. L’intervento pubblico è ritenuto necessario per correggere disuguaglianze sociali e geografiche generate dall’assenza di iniziativa privata da parte delle imprese e consentire, pertanto, una maggiore coesione sociale e territoriale mediante l’accesso ai mezzi di comunicazione tramite la rete a banda ultra larga.

Per quanto riguarda il Comune di Sala Bolognese, grazie alle sinergie e agli investimenti economici voluti da questa Amministrazione, oggi è presente una dorsale in fibra ottica da Bagno di Piano ad Osteria Nuova (per cui attraversa tutto il territorio comunale), che dà la possibilità a tutte e le strutture pubbliche (Comune e scuole) di essere in rete con una connessione veloce e stabile a vantaggio della didattica e di tutti i servizi comunali e scolastici (ad esempio i registri elettronici, le LIM che necessitano di collegamenti sempre più rapidi).

Grazie alla dorsale, oggi le aziende si stanno collegando alla fibra e sarà fondamentale nei prossimi mesi seguire con attenzione gli sviluppi del piano nazionale BUL (visionabili al seguente link: http://bandaultralarga.italia.it/) per l’infrastrutturazione, per tutte le restanti attività produttive e la cittadinanza.

Sul sito è possibile consultare anche statistiche sull'avanzamento dei lavori a livello comunale (link)