Coronavirus - chiarimenti applicativi dell'ordinanza.

creato da Chiara Montorsi ultima modifica 06/03/2020 09:35
Aggiornamento 25/02/2020 - La Regione Emilia-Romagna ha trasmesso una circolare contenente chiarimenti in merito all’Ordinanza contingibile e urgente n. 1 del Ministero della Salute, d’intesa con il presidente della Regione Emilia-Romagna, recante “Misure urgenti in materia di contenimento e gestione dell’emergenza epidemiologica da Covid- 2019".
SI PRECISA CHE FINO AL 1 MARZO 2020

Sono da ritenere sospese tutte quelle manifestazioni e iniziative che, comportando l’afflusso di pubblico, esulano dall'ordinaria attività delle comunità locali; si fa riferimento ad eventi e manifestazioni di natura sportiva, culturale, sociale, economica e civica, laddove esulino dall'ordinario esercizio delle attività stesse. Vanno pertanto incluse tra le attività da sospendere manifestazioni, fiere e sagre, attrazioni e lunapark, concerti, eventi sportivi che prevedano la presenza di pubblico (campionati, tornei e competizioni di ogni categoria e di ogni disciplina) e attività di spettacolo quali rappresentazioni teatrali, cinematografiche, musicali, ecc., ivi comprese le discoteche e le sale da ballo.

In via generale NON sono invece ricomprese nella sospensione le attività che attengono all'ordinario svolgimento della pratica corsistica e amatoriale ( allenamenti sportivi). Si precisa che potranno  rimanere aperti  gli impianti sportivi (centri sportivi, palestre pubbliche e private, piscine pubbliche e private, campi da gioco, ecc.), e in generale tutte le strutture quando le attività non prevedano aggregazione di pubblico ("porte chiuse") o eccezionali concentrazioni di persone.

Sono escluse da tale sospensione anche tutte le attività economiche, agricole, produttive, commerciali e di servizio e ricettive, ivi compresi i pubblici esercizi e le mense, ad eccezione di quelle richiamate di pubblico spettacolo e degli eventi e manifestazioni promozionali (fiere, mercati straordinari, meeting e convegni, sfilate, ecc.) che pertanto saranno sospesi.

In via generale non sono sospesi gli ordinari mercati settimanali.

Una particolare attenzione va prestata alle attività di preminente carattere sociale. Non possono essere pertanto ricomprese nella sospensione, in via generale, attività di sostegno e supporto alle persone anziane e diversamente abili (es: servizi semiresidenziali e Centri diurni).
Non si intendono sospese le celebrazioni di matrimoni ed esequie civili e religiose, anche in linea con le disposizioni adottate dalle diocesi della regione.

Non possono essere inclusi nella sospensione, in via generale, neppure i centri di aggregazione sociale (circoli ricreativi, centri sociali, centri giovani, centri anziani, orti urbani, ecc.) per la parte di ordinaria attività.Sono invece sospese feste o attività aggregative nell'ambito dei centri
È quindi possibile mantenere aperti centri sociali e impianti sportivi per quanto attiene l'ordinaria attività che non preveda aggregazione di pubblico o eccezionali concentrazioni di persone.

L'Amministrazione comunale, applicando il principio della massima cautela, raccomanda di limitare queste attività nei casi strettamente necessari e comunque applicando tutte quelle precauzioni e i comportamenti corretti per contenere la possibile diffusione del virus.

Ricordiamo il Numero Verde regionale 800033033 da contattare in caso di febbre o tosse e se si è tornati dalla Cina da meno di 14 giorni.