Salta ai contenuti. | Salta alla navigazione

Strumenti personali

Sezioni

Tu sei qui: Home Notizie Emergenza epidemiologica da Covid-19 (Coronavirus) - cosa si può fare e cosa non si può fare da lunedì 04 maggio 2020

Emergenza epidemiologica da Covid-19 (Coronavirus) - cosa si può fare e cosa non si può fare da lunedì 04 maggio 2020

creato da Chiara Montorsi ultima modifica 04/05/2020 14:39
Di seguito le indicazioni rispetto la "fase 2" - Informative inerenti.

Spostamenti

Puoi spostarti per motivi di lavoro, salute e necessità. Tra gli spostamenti per motivi di necessità rientra andare a trovare i propri “congiunti” che vivono nella stessa Regione.

Quando incontri i tuoi congiunti ricorda di rispettare il divieto di assembramento, mantenere la distanza fisica di almeno 1 metro e indossare le mascherine.

Il Governo ha chiarito che per “congiunti” si intendono i coniugi, i partner conviventi, i partner delle unioni civili, le persone che sono legate da uno stabile legame affettivo, nonché i parenti fino al sesto grado (come, per esempio, i figli dei cugini tra loro) e gli affini fino al quarto grado (come, per esempio, i cugini del coniuge). È comunque fortemente raccomandato limitare al massimo gli incontri con persone non conviventi, poiché questo aumenta il rischio di contagio.

Puoi spostarti per situazioni di necessità (come fare la spesa) da solo ed esclusivamente in ambito provinciale.

Non puoi trasferirti o spostarti in una regione diversa rispetto a quella in cui ti trovi, tranne che per esigenze lavorative, di assoluta urgenza e di salute: è in ogni caso consentito rientrare presso il proprio domicilio, abitazione o residenza.

Attività motoria e sportiva

Puoi spostarti per fare attività sportiva e motoria nel territorio provinciale da solo (a meno che non si tratti di persone conviventi), rispettando sempre la distanza di sicurezza (di almeno 2 metri se fai sport, 1 metro se fai attività motoria).
Puoi utilizzare mezzi pubblici o privati per raggiungere il posto dove fare sport o moto: per esempio, puoi andare al parco in bici o in macchina per correre e camminare.

Seconde case

In Emilia-Romagna puoi raggiungerle solo in giornata, individualmente, per motivi di manutenzione ed esclusivamente nel territorio provinciale.

Mascherine

Dal 4 maggio 2020 è obbligatorio indossare mascherine per proteggere bocca e naso:

  • nei locali aperti al pubblico

  • sui mezzi di trasporto pubblici

  • al chiuso e all’aperto quando non puoi mantenere sempre la distanza di sicurezza di almeno 1 metro

Non sono obbligatorie per:

  • i bambini al di sotto dei sei anni

  • le persone con disabilità non compatibili con l’uso continuativo della mascherina

Puoi indossare mascherine monouso o mascherine lavabili, anche auto-prodotte, in materiali multistrato idonei a fornire un’adeguata barriera, garantire comfort e respirabilità, forma e aderenza tali da coprire dal mento al di sopra del naso.

Salute, quarantena e isolamento

Chi è sottoposto alla quarantena e chi risulta positivo al coronavirus ha il divieto assoluto di muoversi dalla propria abitazione.

Le persone con sintomi da infezione respiratoria e febbre maggiore di 37,5 gradi devono restare in casa, limitare al massimo le relazioni sociali e chiamare il proprio medico curante.

Non andare al Pronto soccorso se pensi di avere sintomi legati al virus: rivolgiti al medico di Medicina generale per avere maggiori informazioni, oppure chiama il numero verde 800033033 della Regione Emilia-Romagna o il numero 1500 attivato dal Ministero della Salute.
In caso di urgenze è sempre attivo il
118.

Divieto di assembramento

Ogni forma di assembramento di persone in luoghi pubblici o aperti al pubblico è vietata sull’intero territorio nazionale.

Questo divieto è ripreso anche dallordinanza del Sindaco Emanuele Bassi, n.7 del 30/04/2020 (scaricabile in fondo alla presente pagina) dove si raccomanda il rigoroso rispetto delle disposizioni relative al divieto di assembramento nelle strade, sulla pista ciclabile, nei parchi.

Parchi e giardini pubblici

I parchi cittadini, i giardini pubblici e le aree verdi sono aperti.
L’ingresso ai parchi è consentito a persone senza sintomatologia da infezione respiratoria e febbre e non soggette a misure di quarantena.
In tutte le aree verdi pubbliche è vietato l’utilizzo dei giochi per bambini e dell’impiantistica sportiva a libera fruizione.

SI PUÒ

  • camminare a 1 metro di distanza

  • correre da soli a 2 metri di distanza

  • sedere sulle panchine mantenendo 1 metro di distanza

    NON SI PUÒ

  • creare assembramenti

  • utilizzare le aree giochi

  • utilizzare aree e attrezzi sportivi

  • svolgere attività ludico-ricreative (prendere il sole)

  • fare feste e pic-nic

Orti comunali

Gli orti comunali sono aperti negli orari da regolamento.

  • indossare la mascherina chirurgica

  • avere il gel disinfettante

  • rispettare la misura di sicurezza di almeno 1 metro

Negli orti è vietato:

  • lo scambio di attrezzi o prodotti

  • fermarsi lungo i vialetti di collegamento interni all’area e nelle zone comuni

  • creare assembramenti

Cimiteri, visite ai defunti e funerali

I cimiteri comunali riaprono lunedì 4 maggio.
Quando:

  • orari: come organizzato dal servizio di riferimento

  • puoi entrare solo con la mascherina

  • l’ingresso sarà contingentato

Cerimonie funebri
Dal 4 maggio tornano a svolgersi i funerali.
Possono partecipare 15 persone al massimo, indossando le mascherine e rispettando la distanza di sicurezza di almeno 1 metro.
Non sono ammessi gli assembramenti e i cortei di accompagnamento al trasporto del feretro.

Attività commerciali al dettaglio

Restano sospese le attività commerciali al dettaglio con l’eccezione delle attività di vendita di generi alimentari e di prima necessità, sia nell’ambito degli esercizi commerciali di vicinato, sia nell’ambito della media e grande distribuzione, anche ricompresi nei centri commerciali. L’accesso è permesso solo a queste attività.

Sono aperte le farmacie e le parafarmacie, le edicole e i tabaccai, cartolerie e librerie, negozi di vestiti per bambini e neonati. Deve essere in ogni caso garantita la distanza di sicurezza interpersonale di un metro.

Tutte le attività aperte devono assicurare il rispetto delle regole indicato nel decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri. Link al sito del Governo.

L'elenco completo delle attività commerciali che possono rimanere aperte sono consultabili al link sopra indicato del Governo (Decreto Presidente del Consiglio dei Ministri 26 aprile 2020).

Link alla Regione Emilia-Romagna.

Ordinanza del Sindaco Emanuele Bassi n. 6 del 30/04/2020 con oggetto "Misure urgenti in materia di contenimento e gestione dell'emergenza epidemiologica da covid-19. Disposizioni urgenti inerenti i mercati settimanali limitatamente alle concessioni in essere su posteggi destinati alla vendita di prodotti alimentari e dei mercati riservati ai produttori agricoli. apertura a far data dal 04/05/2020 e fino al temine delle vigenti disposizioni sull'emergenza epidemiologica"

Ordinanza del Sindaco Emanuele Bassi n. 7 del 30/04/2020 con oggetto "Misure urgenti in materia di contenimento e gestione dell'emergenza epidemiologica da covid-19. Disposizioni urgenti a far data dal 04/05/2020 e fino al temine delle vigenti disposizioni sull'emergenza epidemiologica"